corso operatore socio assistenziale

Operatore Socio Assistenziale

Sono varie le figure professionali che ruotano intorno all’ambito sociale, una di queste è l’operatore socio assistenziale (OSA).

Si tratta di una figura qualificata per l’assistenza alle persone parzialmente o totalmente non autosufficienti, in condizioni di fragilità, di disagio. L’OSA opera in strutture sanitarie e di assistenza per mantenere, recuperare il benessere psico-fisico delle persone e aiutarle nella gestione della quotidianità.

L’operatore socio assistenziale segue persone con difficoltà fisiche, sociali, mentali o psichiche: come anziani, minori, persone portatrici di handicap, tossicodipendenti, immigrati. Si occupa, inoltre di sostenere l’autonomia delle persone a seconda dei loro bisogni e delle loro possibilità, all’interno di un piano assistenziale personalizzato elaborato dal personale socio-sanitario competente come l’infermiere, il fisioterapista, l’educatore e l’animatore. La sua è un’assistenza diretta che produce stimoli utili per ripristinare, sviluppare e mantenere la capacità degli utenti di soddisfare i propri bisogni primari, promuovendo il benessere della persona.

L’operatore socio assistenziale supporta l’assistito nella gestione delle attività quotidiane, in ambienti domestici o in contesti di degenza, di residenza protetta che variano dalla cura della casa e degli ambienti di vita all’alimentazione, dall’igiene alla cura della persona. Può quindi lavare vestiti e biancheria, rifare i letti, fare la spesa, preparare e somministrare i pasti, accompagnare e trasportare l’assistito alle visite mediche e presso altri servizi socio-sanitari presenti sul territorio. Inoltre, si assicura che il contesto di vita quotidiano non presenti rischi per l’incolumità della persona assistita.

Lavorando a stretto contatto con la persona, l’operatore socio assistenziale riesce a individuare e valutare i bisogni non soddisfatti e i disagi vissuti dal paziente. Accompagna in modo empatico la persona, sostenendola a livello psicologico e sociale, favorendo il dialogo e l’ascolto e promuovendo il suo benessere fisico e psichico. Si occupa anche di tenere i contatti e i rapporti con i familiari, i Caregiver e con il personale sanitario e sociale di riferimento. Si confronta spesso con loro, per verificare i progressi del progetto assistenziale, per stabilire nuove azioni da intraprendere e per coordinare attività e sforzi comuni.

Gli operatori socio assistenziali lavorano come dipendenti o come liberi professionisti in strutture socio-assistenziali, residenziali o semiresidenziali, pubbliche o private, come case di riposo e residenze per anziani, centri diurni, comunità per minori, istituti per portatori di handicap, ma anche in case di cura, cliniche e strutture ospedaliere, o lavorare a domicilio.

Related Posts

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *